Ricerca































banner_direkta.gif


banner_ratio_iuris.gif
mod_vvisit_counterVisite Oggi7
mod_vvisit_counterDal 12/06/091634251






























Le donazioni indirette
Le donazioni indirette sono quei negozi che, pur non integrando il tipo della donazione, ne producono gli effetti tipici e, cioè, l'arricchimento, per spirito di liberalità, dell'avente causa.
 
Naturalmente, sul piano formale, le donazioni indirette seguono il regime del tipo di negozio prescelto e non quello vincolato della donazione (atto pubblico e testimoni).
 
La donazione indiretta, dunque, sotto il profilo sostanziale, seguirà il regime del negozio fine (la donazione), sotto il profilo formale quello del negozio mezzo (il contratto a favore di terzo, la rinuncia ecc. ecc.).
 
Le ipotesi di fattispecie contrattuali che possono configurare delle donazioni indirette sono molteplici. Tra le più ricorrenti forme di donazione indiretta, si può ricordare la vendita mista a donazione, che si verifica allorchè il prezzo di vendita è palesemente più basso del prezzo di mercato, la rinuncia del credito, con la quale il donante rimette il debito al donatario, l'adempimento del terzo di cui all'art. 1180 cc con il quale il donante, per spirito di liberalità, estingue l'obbligazione che il donatario aveva nei confronti del terzo, il contratto a favore del terzo di cui all'art. 1411 cc, con il quale il donante realizza l'effetto di arricchire il donatario mediante l'assunzione dell'obbligazione da parte del promissario.




Segnala su OK Notizie!Reddit!Del.icio.us! Facebook!


 


ricerca

CERCA ANCORA IN QUESTO SITO