Ricerca































banner_direkta.gif


banner_ratio_iuris.gif
mod_vvisit_counterVisite Oggi348
mod_vvisit_counterDal 12/06/091665459






























L'eredità
Argomenti correlati
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
L'eredità è il complesso dei rapporti giuridici attivi e passivi facenti capo al de cuius.
 
In tal senso, l'eredità è tradizionalmente indicata come un'universalità di diritto. Le situazioni giuridiche costituenti l'eredità, infatti, costituiscono un complesso unitario per volontà del legislatore e non per una situazione di fatto (come , ad esempio, l'azienda dove la destinazione dei singoli beni all'esercizio dell'azienda medesima è effettuata dal titolare dell'impresa).
 
L'eredità, come detto, è costituita dall'insieme delle situazioni giuridiche, con l'esclusione delle situazioni soggettive personali e non trasmissibili.
 
Sono trasmissibili mortis causa i diritti patrimoniali, compresi i diritti potestativi.
 
Non fanno, invece, parte dell'eredità, in quanto non trasmissibili, i diritti reali legati alla vita della persona (usufrutto, uso, abitazione), i rapporti intuitu personae (ad esempio il mandato), le sanzioni amministrative, il diritto morale d'autore, i diritti della personalità, nonchè, in generale, i rapporti di diritto pubblico (si pensi, a titolo d'esempio, alle licenze di commercio).
 
L'eredità, prima dell'accettazione della delazione, è un patrimonio autonomo privo del titolare ma soggetto ad atti d'amministrazione, vigilanza e conservazione.
 
Nella fase che precede l'accettazione, che retroagisce sino al momento dell'apertura della successione,  il potere e l'obbligo di amministrare i beni dell'asse ereditario, spettano, a seconda della concreta situazione di fatto sussistente dopo l'apertura della successione, a diversi soggetti:
 
il curatore dell'eredità giacente;
 
l'esecutore testamentario;
 
il chiamato all'eredità.
 
Il chiamato all'eredità è colui che, pur essendo stato chiamato a succedere, ancora non ha accettato l'eredità.
 
Tra il momento dell'apertura della successione e quello dell'accettazione dell'eredità, il chiamato è titolare di una serie di poteri tra cui:
 
il diritto d'accettare l'eredità (si tratta di un diritto, a sua volta, trasmissibile mortis causa);
 
il possesso dei beni ereditari ed il diritto di esercitare le relative azioni possessorie;
 
il diritto di porre in essere atti di vigilanza, di amministrazione e di conservazione dei beni ereditari.
 
Con riferimento agli  atti di straordinaria amministrazione dell'eredità, tuttavia, il chiamato, ove non intenda essere considerato erede puro e semplice, dovrà chiedere la preventiva autorizzazione del Tribunale del luogo ove si è aperta la successione.
 
Il chiamato all'eredità perde i diritti connessi all'apertura della successione in caso di nomina del curatore dell'eredità giacente (nomina che non può, però, avvenire se il chiamato all'eredità è nel possesso dei beni ereditari) o in caso di rinuncia, li consolida in caso di accettazione dell'eredità.
 
Il chiamato all'eredità che è nel possesso dei beni ereditari, ai sensi dell'art. 485 c.c., diventa erede puro e semplice se omette la redazione dell'inventario nel termine di tre mesi dall'apertura della successione oppure se non dichiara di accettare con beneficio d'inventario entro 40 giorni dalla sua redazione.
 
Il chiamato all'eredità che non è nel possesso dei beni ereditari, ai sensi dell'art. 487 cc, ove dichiari d'accettare con il beneficio dell'inventario, deve realizzare l'inventario nei tre mesi successivi altrimenti si considera erede puro e semplice.




Segnala su OK Notizie!Reddit!Del.icio.us! Facebook!


 


ricerca

CERCA ANCORA IN QUESTO SITO