Ricerca

































mod_vvisit_counterVisite Oggi381
mod_vvisit_counterDal 12/06/091779405






























L'esclusione dei beni dalal comunione legale
Con l'ordinanza n 30416 del 2008 la I Sezione della Suprema Corte di Cassazione ha rimesso all'attenzione delle Sezioni Unite la questione relativa alla natura ed agli effetti dell'atto con il quale uno dei coniugi abbia conentito all'esclusione di un determinato bene dalla comunione legale. Le tesi che si contrappongono sono sostanzialmente due; da un lato parte della giurisprudenza di legittimità ravvisa la natura negoziale di tale atto di consenso mentre altra parte della giurisprudenza di legittimità ritiene che detto atto di consenso abbia mera valenza di atto ricognitivo inidoneo, ex se, a mutare lo stato reale delle cose. Secondo tale ultimo orientamento non sarebbe, dunque, idoneo a determinare il passaggio dalla comunione legale alla proprietà esclusiva l'atto di consenso con il quale il coniuge dichiarasse come destinato all'esercizio professionale un immobile effettivamente destinato alla residenza coniugale.




Segnala su OK Notizie!Reddit!Del.icio.us! Facebook!


 

ricerca

CERCA ANCORA IN QUESTO SITO